L’indennizzo diretto, ovvero la procedura di risarcimento danni

assicurazione-autoCosa fare quando si rimane coinvolte in un incidente stradale e si la vittima? Ecco alcune semplici regole da tenere conto:

  • Denuncia: a prescindere che tu sia torto o sia la vittime, entro tre giorni devi inviare la constatazione amichevole alla tua compagnia assicuratrice, o eventualmente il verbale dei vigili o delle forze di polizia se intervenute.
  • Risarcimento diretto: sei hai ragione, anche in parte, puoi richiedere il risarcimento diretto alla tua compagnia assicuratrice che viene rilasciato entro tre mesi. Attenzione però il risarcimento diretto ha molti vincoli e regole che devono essere rispettate, informati bene come funziona attraverso la tua compagnia di assicurazioni.
  • Procedura ordinaria: fuori dai casi dell’indennizzo diretto, oltre a portare le carte dell’incidente alla propria compagnia, bisogna dare mandato alla stessa di contattare la compagnia dell’altro conducente per iniziare le pratiche di risarcimento. Pratiche che possono essere lunghe e non sempre a vantaggio della vittima.
  • Procedura ordinaria 2: il nome non è corretto ma identifichiamo quella procedura diversa dalla precedente, dove non si passa più attraverso assicurazioni, ma attraverso i professionisti del risarcimento danni per incidente stradale a Venezia, Milano, Dolo e San Donà di Piave. Cosa cambia non essendoci più le assicurazioni? Un approccio diverso all’evento, mirato alla salvaguardia degli interessi della vittima e non più dell’assicurazione. Le statistiche infatti affermano che sempre più gente chiede questo tipo di aiuto e ausilio completamente legale e basato su normative ben definite.

Lascia un Commento